Sondaggi politici novembre 2017: verso le elezioni

Tutti i dati delle elezioni politiche in Italia

Sondaggi politici novembre 2017: i dati EMG per TgLa7 diffusi il 20

Il calo del Partito Democratico si sta facendo davvero preoccupante: secondo i sondaggi politici diffusi da EMG durante il TG La7, il PD di Renzi, oggi, otterrebbe voti molto simili a quelli che conquistò il PD di Bersani. E sebbene il PD abbia subito la scissione di MDP, vale la pena ricordare che Bersani che se la doveva vedere con la concorrenza di Vendola a sinistra e di Monti al centro. Due avversari molto temibili. Nel frattempo, il M5S continua a salire e il centrodestra si rafforza ulteriormente.

sondaggi politici novembre emg la7 sondaggi politici novembre emg la7 sondaggi politici novembre emg la7 sondaggi politici novembre emg la7

Sondaggi politici ottobre 2017: i dati EMG per TgLa7 diffusi il 30

Nessuna particolare novità negli ultimi sondaggi politici di ottobre 2017. Quel che è certo, è che lo stallo apparente sembra avvantaggiare leggermente il Movimento 5 Stelle; mentre la sensazione è che il centrosinistra avrà bisogno di ricreare una grande coalizione di uliviana memoria per poter fronteggiare il centrodestra.

Sondaggi politici ottobre 2017: i dati EMG per TgLa7 diffusi il 17

Come prevedibile, la bagarre scatenata dalla decisione di porre la fiducia in occasione del voto sulla legge elettorale ha penalizzato il Partito Democratico e ha giovato al Movimento 5 Stelle. Ma si tratta dei soliti flussi, quando davvero inizierà la campagna elettorale, e solo allora, potremo capire chi ha davvero le carte migliori da giocarsi. Intanto, per quanto riguarda i sondaggi politici ottobre 2017, questi sono gli ultimissimi dati.

sondaggi politici ottobre 2017

Sondaggi politici ottobre 2017: i dati EMG per TgLa7 diffusi il 9

Non ci sono grossi spostamenti da segnalare tra i principali partiti neanche nei sondaggi politici di questa settimana (anche perché, ormai, gli spostamenti di pochi decimali abbiamo imparato a ignorarli); il che però non significa che non ci siano aspetti meritevoli di attenzione. Primo fra tutti, scendendo verso il fondo di questa sorta di classifica virtuale, troviamo l’ingresso di Campo Progressista, il partito-movimento guidato da Giuliano Pisapia. Certo, l’1% non è un dato interessante, ma considerando l’equilibrio sostanziale delle forze in campo, anche un singolo punto percentuale può essere determinante (il che ci riporta a dinamiche già viste nel passato, senza troppi successi).

sondaggi politici elettorali 2017

Vale la pena di dare un’occhiata anche alle coalizioni, visto che sembra sempre più probabile che si ritornerà a una dinamica di questo tipo, è interessante notare come la coalizione di centrodestra si confermi al primo posto, ma anche che un ipotetico centrosinistra che unisse tutte le sue anime (inserendo dentro anche AP di Alfano, per il quale si dovrebbe quindi parlare di “centro-sinistra con il trattino) scavalcherebbe facilmente tutti gli altri. Ma questa ipotesi non sembra né fattibile, né (per quello che può valere la nostra opinione) auspicabile.

sondaggi politici elettorali 2017

 

Sondaggi politici ottobre 2017: i dati EMG per TgLa7 diffusi il 3

Poco si muove nei sondaggi politici ottobre 2017 diffusi dal TgLa7 ieri sera. Il PD conferma di trovarsi davanti (per ora) al M5S, ma perde qualche decimale; mentre lo stesso Movimento 5 Stelle è fondamentalmente stabile. Nessun cambio sostanziale insomma; eppure c’è una dinamica assai interessante: Forza Italia è in netto recupero sulla Lega Nord, e tra i due partiti c’è uno scarto ormai di solo mezzo punto. Cosa significa? Che stando a quanto i due si sono detti nelle varie bagarre estive, non è così scontato che effettivamente Salvini possa rivendicare la leadership ed essere il candidato premier del centrodestra, che dovrebbe spettare al primo partito della coalizione.

sondaggi politici ottobre 2017 rilevazioni partiti

Sondaggi politici settembre 2017: i dati EMG per TgLa7 diffusi il 25

I sondaggi politici, dopo mesi di stallo, ci mostrano finalmente qualcosa di interessante: il Partito Democratico torna a superare il Movimento 5 Stelle dopo almeno sei mesi dall’ultima volta. Ma non è solo il tanto tempo trascorso a rendere significativo quanto rilevato dai sondaggi EMG, quanto il fatto che il controsorpasso sia avvenuto nonostante la nota scissione di Articolo 1-MDP (che ormai vale poco più di due punti percentuali) e soprattutto il fatto che tutto ciò avvenga subito dopo la proclamazione di Luigi Di Maio a candidato premier del M5S. Chiariamo una cosa: quasi certamente a smontare gli entusiasmi di una parte del popolo pentastellato non è la candidatura di Di Maio in sé, ma il modo estremamente fiacco in cui questa è avvenuta. Solo così si può spiegare che, contrariamente a quanto abbiamo sempre visto in caso di primarie, il partito scenda invece di salire in seguito alla proclamazione del proprio candidato premier.

 sondaggi politici m5s pd settembre 2017

Sondaggi politici settembre 2017: i dati EMG per TgLa7 diffusi il 18

I sondaggi politici EMG mostrano una situazione decisamente cristallizzata: al di là di chi sale o scende di pochi decimali, infatti, lo scenario complessivo è sempre uguale: la legge elettorale proporzionale con sbarramento al 3% renderebbe possibile solo un governo composto da Movimento 5 Stelle, Lega Nord e Fratelli d’Italia.

sondaggi politici oggi

sondaggi politici settembre 2017

Sondaggi politici settembre 2017: i dati EMG per TgLa7 diffusi l’11

sondaggi elettorale elezioni 2018

Nessuna maggioranza possibile con una legge elettorale proporzionale con soglia di sbarramento al 3%. Di fatto, è questa la notizia più importante che continua a venire confermata, settimana dopo settimana, dai sondaggi politici di qualunque istituto. E lo confermano anche gli ultimi sondaggi EMG trasmessi dal TgLa7, che mostrano una volta di più come nel quadro storico del centrosinistra e del centrodestra – ferma restando la volontà del M5S di andare sempre e comunque da solo – è impossibile che si crei una maggioranza, nemmeno di larghe intese.

sondaggi politici 2018 elezioni

Ed è la cosa più normale del mondo: con il proporzionale, la maggioranza è garantita solo quando ci sono due scenari: il bipolarismo e il bipartitismo. Con l’Italia che si trova in una situazione tripolare, è evidente che sia estremamente difficile trovare una soluzione. L’unica possibilità che rimane è quella di una maggioranza Lega, Fratelli d’Italia, Movimento 5 Stelle: difficile che possa crearsi, anche se i tre partiti hanno probabilmente più cose in comune di quanto normalmente non si tenda a pensare.

Sondaggi politici settembre 2017: i dati EMG per TgLa7 diffusi il 4

I sondaggi EMG diffusi il 4 settembre durante il TgLa7 mostrano, rispetto ai sondaggi Ixè riportati ad agosto, un’importante differenza: il Movimento 5 Stelle è ampiamente il primo partito (28,3%); oltre un punto e mezzo al di sopra del Partito Democratico (26,6%). Si conferma anche il consolidamento della Lega Nord (15,2%), che nei mesi scorsi aveva subito il recupero di Forza Italia (12,8%), ormai ampiamente ricacciata indietro. Da segnalare anche l’arretramento di Articolo 1: la sinistra nata dalla scissione del PD non va oltre il 2,9%, perdendo oltre mezzo punto rispetto alle ultime rilevazioni del 24 luglio.

sondaggi elettorali partito democratico movimento 5 stelle

Questi risultati, comunque, confermano una volta di più il dato fondamentale delle elezioni politiche 2018: l’assenza di una vera maggioranza. Con una legge elettorale proporzionale, e nonostante lo sbarramento al 3%, non c’è nessuna coalizione in grado di conquistare la maggioranza; nemmeno nell’ottica delle larghe intese che potrebbe riunire Renzi e Berlusoni. L’unica possibile soluzione è unire Lega Nord, Fratelli d’Italia e Movimento 5 Stelle; tre partiti che possono trovare un terreno comune su alcuni temi e potrebbero quindi ambire al governo. Ma che davvero il M5S abbia intenzione di partecipare a una coalizione così scomoda sembra quasi impossibile.

Sondaggi politici Ixè per Agorà RAI diffusi l’11 agosto 2017

I sondaggi politici di Ixé per Agorà RAI non vanno in vacanza. L’11 agosto 2017 è stato diffuso questo aggiornamento che non sposta in alcun modo i valori in campo se non per pochi decimi percentuali (il che, con il margine d’errore, è pressoché insignificante, appunto). Resta impressionante il tracollo del Partito Democratico se lo si paragona alle Europee del 2014, controbilanciato, rispettivamente, dalle crescite del Movimento Cinque Stelle (che rispetto alle elezioni europee salirebbe di circa sei punti percentuali) e della Lega Nord (prese il 6,2%, è accreditata di un 15,0% nelle intenzioni di voto degli italiani secondo Ixé.

Sondaggi Ixé per Agorà RAI diffusi il 4 agosto 2017

Sondaggi elettorali politici - Italia - 4 agosto 2017 Ixé per Agorà RAINell’immagine, i dati dei sondaggi realizzati da Ixé per Agorà RAI e diffusi dalla trasmissione il 4 agosto 2017. Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle sono sostanzialmente appaiati, 27,5% e 27,1%. Considerato il margine d’errore metodologico non c’è modo di attribuire un chiaro primato. Segue a quasi tredici lunghezze la Lega Nord, con il 14,9%. Forza Italia si attesta al 13,4%, forte del ritorno in campo di Silvio BerlusconiFratelli d’Italia è accreditato di un 4,4%. Articolo Uno 3,4%. Il centro dell’Area Popolare è al 2,5%, Sinistra Italiana al 2,4. Gli altri partiti catalizzerebbero un restante 4,4% di voti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*